LA TELEGRAFIA AEREA (Chappe e Depillon)

LA TELEGRAFIA AEREA (Chappe e Depillon)

LA TELEGRAFIA AEREA (Chappe e Depillon)

LA TELEGRAFIA AEREA (Chappe e Depillon)
{sku}: 5128libro
{quantity}: 2

Prix:
11,18 €
Prix catalogue:
13,42 €
Économisez:
2,25 € (17%)

Description

LA TELEGRAFIA AEREA (Chappe e Depillon)
Postazioni e linee nell'Italia dell'800

Urbano Cavina

Nella seconda metà dell'800 con l'affermazione della telegrafia elettrica, le antiche catene di torri segnaletiche furono via via abbandonate. Originariamente usate nell'alto medioevo per spedire segnali, in genere d'allarme, attraverso la combustione di fascine di paglia o di legna, esse con il passare del tempo trovarono una applicazione sempre più complessa, che tuttavia ci costringe ad attendere l'epoca napoleonica per vedere le prime trasmissioni di segnali mediante la moderna telegrafia aerea ad opera dei fratelli Chappe.
Non è semplice allora ricostruire dai resti di queste antiche torri le vecchie linee telegrafiche. Più semplice, invece, è scorgere gli antichi semofori lungo le strade costiere, specie nei loro punti più inoltrati e spesso più elevati, là dove più facilmente si riusciva ad avvistare e comunicare per tempo le frequenti e rapide incursioni della pirateria ottomana che aveva le sue basi nelle vicine coste dell'Albania e del Nord Africa.
La trasformazione di alcune torri costiere in telegrafi marini ad asta, capaci di comunicare con le navi che transitavano sotto costa o, nel migliore dei casi, non oltre l'orizzonte marino, contribuì a mantenerle in vita. Fino a quando, nel primo novecento, la Telegrafia-senza-fili di Marconi, fece il suo ingresso, segnando in modo definitivo il tramonto del sistema di segnalazione a bracci mobili originato dalla Télégraphie Aérienne degli Chappe (l'arma segraeta che alimentò il mito dell'imbattibilità di Napoleone).
Ricordare che la Grande telegrafia visiva dell'ottocento, con le sue tecniche e isuoi linguaggi, non è del tutto estranea allo schema scientifico che guida le moderne telecomunicazioni, può servire da stimolo per non dimenticarla. O meglio, per riscoprirla senza atteggiamenti di sufficienza, senza preconcetti. Per costudirla con attenzione, come se fosse la vecchia foto da incorniciare e appendere di un'antenata che fila la rocca. Per sdebitarci ed esserle riconoscente d'avere spianato la strada con la sua semplicità alle radiocomunicazioni odierne.


Pagine 96